Privacy Policy
close
Work & Training

Lavorare troppo fa male: studio eseguito su 311 dirigenti e 235 … – SMTV San Marino

196092-1843160ccfc2bb7fa21a87294dad223e9f52d871

sabato 6 agosto 2016Produce malessere affettivo, irritabilità, ansia, depressione ed anche elevata pressione sanguigna

Lavorare oltre il dovuto fa male e puo’ portare a sviluppare un disturbo che gli esperti chiamano “workaholism” con effetti negativi a livello psicologico e fisico.

“Sindrome da dipendenza dal lavoro”, questa la traduzione di “workaholism” un termine inglese che ridefinisce il concetto di stacanovista ovvero un soggetto generalmente ammirato e lodato per il suo spiccato senso del lavoro. Lo studio condotto dal team guidato da Cristian Balducci, professore associato di psicologia del lavoro all’Alma Mater di Bologna, dimostra che lavorare troppo, produce malessere affettivo, irritabilità, ansia, depressione ed anche elevata pressione sanguigna. Su un campione di 311 liberi professionisti, dirigenti e imprenditori è emerso che i soggetti con una tendenza marcata al workaholism registrano una più frequente esperienza di stati negativi come rabbia, pessimismo, scoraggiamento, contagiando anche il partner e i figli. Su un campione di 235 lavoratori dipendenti invece è emerso che lo “stacanovismo” impatta negativamente sulla salute mentale anche ad un anno di distanza. Per questo, suggeriscono gli scienziati, “le organizzazioni lavorative dovrebbero essere attente a non alimentare questo fenomeno nei propri lavoratori, cercando di prevenirlo per evitare un degradamento significativo delle condizioni di benessere delle risorse umane e della loro vitalità”.

l.s.

External Source

The author External Source

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. More Information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi