Privacy Policy
close
Work & Training

Bambini picchiati all'asilo, il comune: “Controlleremo di più anche i … – MilanoToday

asilo-2-3-c38ee103c6f16ef6644bc6ae13cc16707b5a4e6e

Ha fatto (giustamente) molto rumore la vicenda dell’asilo nido Baby World, in Bicocca, che ha portato a due arresti dopo che sono state scoperte le sevizie e le violenze fisiche e psicologiche a cui erano stati sottoposti diversi bambini all’interno della struttura. Polemiche politiche, richieste di telecamere preventive, comunicati di asili “concorrenti” che segnalano che, da loro, non succede niente del genere (e ci mancherebbe altro), e via discutendo.

La struttura al centro dell’inchiesta era stata accreditata dal comune di Milano, ed anche questo ha provocato diversi malumori. Ci si è chiesti come sia possibile che il comune accrediti un asilo senza controllarlo. L’accreditamento era comunque avvenuto da pochi mesi, tanto che nemmeno alcuni ex consiglieri di zona 9 (tra cui anche qualcuno che si occupava, nella passata consigliatura, di scuole e asili) lo avevano presente. 

A chiarire la situazione è stata, nella serata del 1 agosto, Anna Scavuzzo, vice sindaco di Milano con delega proprio all’educazione. Scavuzzo ha richiamato il fatto che l’accreditamento con il comune è soltanto formale e documentale. Tra i requisiti troviamo infatti un rapporto almeno di uno a sette tra educatori e bambini, l’adozione di una propria “carta dei servizi”, la certificazione dei titoli di studio degli educatori e altri requisiti del genere.

“Vogliamo arrivare ad un accreditamento sostanziale”, ha spiegato Scavuzzo, “implementando il sistema di verifiche operate dall’amministrazione”. Finora le richieste sostanziali da parte del comune – e le conseguenti verifiche – sono riservate agli asili che, dopo essere stati accreditati, entrano anche in convenzione con Palazzo Marino per ospitare bambini dalle graduatorie comunali. 

L’accreditamento, per un asilo, è il primo passo necessario per “ottenere” poi bambini dalle graduatorie: ma solo con questo secondo passo si richiedono, ad esempio, impegni sulle procedure operative, l’adozione della carta dei servizi educativi all’infanzia del comune, sistemi di rendicontazione degli interventi e del lavoro svolto. 

Da parte sua, il comune controlla almeno due volte all’anno le strutture convenzionate, come ha riferito Scavuzzo. Attualmente a Milano le strutture private sono 297, di cui 179 accreditate e, tra queste, 142 convenzionate: queste ultime ospitano – nell’anno scolastico 2016/2017 – 1.957 bambini. Sono invece 104 i nidi comunali a gestione diretta (5.422 bambini) e 36 sono quelli con gestione affidata in appalto a cooperative, ma di proprietà comunale (2.302 bambini). 

External Source

The author External Source

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. More Information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi